Feed RSS – News Giuridiche

Studio Cataldi – il diritto quotidiano. Notizie giuridiche, leggi e sentenze. Il notiziario di Studiocataldi.it aggiornato quotidianamente

  • Responsabilità medica: si cambia ancora
    on 26 Maggio 2022 at 01:00

    Nuova pdl per la responsabilità medicaResponsabilità contrattuale dei mediciStop ai reati specifici del medicoMediazione e accertamento tecnicoRivalsa facilitataNuove regole per il risarcimentoNuova pdl per la responsabilità medica[Torna su] Alla Camera si sta avviando un nuovo procedimento di riforma della responsabilità medica. Dopo la Legge Gelli Bianco del 2017, si vogliono abolire i reati specifici dei camici bianchi e la responsabilità del medico torna ad essere contrattuale. Trattasi della proposta di legge n. 1321 (sotto allegata), dei deputati Colletti, Cataldi, Dori e Perantoni, intitolata nello specifico “Modifiche alla legge 8 marzo 2017, n. 24, al codice di procedura civile e alle disposizioni per la sua attuazione nonché alle norme di attuazione, di coordinamento e trans…

  • Niente mantenimento per la figlia Neet
    on 26 Maggio 2022 at 01:00

    Non spetta l’assegno alla figlia maggiorenne senza progetti e volontàAssegno più alto se le condizioni economiche del padre sono migliorateIl mantenimento per i figli non è una misura assistenziale perpetuaNon spetta l’assegno alla figlia maggiorenne senza progetti e volontà[Torna su] La Cassazione rigetta il ricorso dei figli maggiorenni che si oppongono alla revoca dell’assegno di mantenimento del padre. La figlia femmina in particolare non ha dimostrato negli ultimi anni di avere una progettualità lavorativa o formativa. Sono quindi immotivati i rifiuti alle due offerte lavorative procuratele dal padre. Questi i concetti ribaditi nell’ordinanza n. 16771/2022 (sotto allegata) della Cassazione, che tira l’ennesima tirata di orecchie ai figli Neet che non studiano e non lavorano. La vice…

  • Come si sceglie un avvocato divorzista?
    on 26 Maggio 2022 at 01:00

    Avvocato divorzistaCompetenza in diritto di famiglia e matrimonioConoscenza negoziazione assistita e procedure alternativeVicinanza dell’avvocato al foro competenteReperibilità e contatti dell’avvocato divorzistaPreventivo scritto per costi trasparentiAvvocato divorzista[Torna su] L’avvocato divorzista è una figura professionale di estrema importanza quando il matrimonio va in crisi. In caso di separazione o divorzio è bene non avere fretta nella scelta del professionista a cui conferire l’incarico di assistenza e rappresentanza dei propri interessi. Si tratta di una scelta importante, per cui è bene non affidarsi a consigli di amici o parenti dati senza cognizione di causa. Sconsigliato anche il fai da te, cercando su Internet un avvocato a caso. Vediamo quindi quali sono i criteri da s…

  • Osteopata: chi è, cosa fa e come lo si diventa
    on 25 Maggio 2022 at 01:00

    Chi è l’osteopataChe cosa può fare l’osteopataL’osteopata deve essere laureato?Chi è l’osteopata[Torna su] Prima di vedere come è disciplinata la professione dell’osteopata, ovvero se è prevista la laurea e che cosa si deve fare per esercitare questa attività, vediamo chi è l’osteopata e quali problemi risolve. L’osteopata è una figura a cui, negli ultimi anni, si stanno rivolgendo sempre più italiani che avvertono problematiche muscolo scheletriche, del sistema nervoso e di quello viscerale, anche su consiglio del proprio medico curante o di altri specialisti. Attenzione però, perché l’osteopata non è un medico, ma è un professionista sanitario che si occupa di problematiche dello scheletro e dei muscoli, di alterazioni degli organi e del sistema cranio sacrale. Le patologie in cu…

  • Avvocati, bando contributi frequenza di corsi di alta formazione professionale
    on 25 Maggio 2022 at 01:00

    Bando contributi frequenza corsi di alta formazione professionaleI requisitiLa domandaBando contributi frequenza corsi di alta formazione professionale[Torna su] Cassa forense ha pubblicato il bando n. 5/2022 (in allegato) per l’assegnazione di contributi per la frequenza di corsi di alta formazione professionale. Così in una nota firmata dal presidente Valter Militi. Si può consultare il testo integrale del bando nell’apposita area dedicata nonché sul portale welfare del sito internet della Cassa. Il termine di scadenza per l’invio della domanda di partecipazione è fissato al 18 gennaio 2023. Il bando è rivolto ad Avvocati e i Praticanti Avvocati che, alla data della sua pubblicazione, sono iscritti alla Cassa o con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi ai sensi…

Feed RSS Feed RSS Altalex

  • Vecchi problemi e nuove prospettive del processo esecutivo nell’epoca della ripresa e della resilienza
    on 26 Maggio 2022 at 06:49

    Di seguito l’articolo del Prof. De Santis, pubblicato su Esecuzione forzata, n. 1/2022, Utet Giuridica, Torino. La riforma del processo civile, approvata con la legge n. 206 del 2021 contiene le linee direttive del PNRR, che, con riguardo al processo esecutivo, preludono ad interventi finalizzati a rendere più celeri ed efficienti i procedimenti esecutivi, con l’intento di rafforzare la tutela del creditore e di semplificare i modelli processuali, implementando in tal modo l’effettività della tutela. Si tratta di un ennesimo intervento sul processo esecutivo, ma che non è la soluzione finale delle inefficienze delle esecuzioni forzate. Bisogna infatti auspicare che venga presto il tempo in cui si metta mano ad un organico ripensamento del sistema esecutivo, basato sull’accurata ricognizione delle prassi e sulla concreta tensione alla realizzazione del credito.

  • Riforma Codice crisi d’impresa: parere positivo del Consiglio di Stato
    on 25 Maggio 2022 at 22:00

    Con il parere n. 832 pubblicato il 13 maggio 2022, il Consiglio di Stato ha emesso parere positivo allo schema di decreto legislativo contenente le modifiche al Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza in attuazione della Direttiva Insolvency 2019/1023/UE.

  • Padre in “pressing” sulla figlia per ragioni di credo religioso: la CEDU lo blocca
    on 25 Maggio 2022 at 22:00

    Pronunciandosi su un caso “italiano” in cui si discuteva della legittimità delle decisioni assunte dalle autorità giudiziarie italiane che avevano impedito ad un uomo – che dopo la separazione, si era convertito ai Testimoni di Geova – di coinvolgere la propria figlia nelle iniziative religiose, venendo tuttavia impedito dai tribunali cui nel frattempo la ex moglie si era rivolta, la Corte EDU sez. I, 19 maggio 2022 (n. 54032/18), ha escluso, sebbene a maggioranza (cinque voti contro due), che vi fosse stata una violazione dell’articolo 14 (divieto di discriminazione) in combinato disposto con l’articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare), letto alla luce dell’articolo 9 (libertà di religione) della Convenzione EDU. Il caso, come anticipato, era stato originato da una controversia tra il ricorrente e la ex compagna, madre della figlia nata dalla loro relazione, avente ad oggetto l’educazione religiosa della ragazza. Il ricorrente era diventato un Testimone di Geova dopo la rottura della relazione. A seguito di un procedimento promosso dalla madre davanti al tribunale, al ricorrente era stato ordinato di astenersi dal coinvolgere attivamente la figlia nelle sue attività religiose. La Corte ha ritenuto che non vi fosse stata alcuna discriminazione tra il ricorrente e la madre basata sulla religione nelle decisioni che avevano determinato il tribunale ad adottare l’ordinanza inibitoria. Le decisioni avevano esclusivamente lo scopo di risolvere la controversia, puntando soprattutto sull’interesse del minore a crescere in un ambiente aperto e sereno, conciliando per quanto possibile i diritti e il credo religioso di entrambi i genitori.

  • Caso Cucchi: il nesso causale non è interrotto dal comportamento negligente successivo di terzi
    on 25 Maggio 2022 at 22:00

    Con la sentenza n. 18396 depositata il 9 maggio 2022, la Sezione V della Cassazione conferma la responsabilità per omicidio preterintenzionale dei due militari che avevano percosso Stefano Cucchi durante l’arresto e annulla con rinvio, per vizio di motivazione, la sentenza di appello nella parte in cui condanna per falso ideologico in atto pubblico gli altri due operanti che avevano compilato in modo incompleto il verbale di arresto. Nel confermare la condanna per il delitto di cui all’art. 584 c.p. la Suprema Corte esclude che il nesso causale tra le condotte originarie di lesione e la morte possa dirsi interrotto per il comportamento negligente dei sanitari e per il comportamento oppositivo della stessa vittima.

  • Confisca penale e tutela del terzo: si applica la disciplina del Codice Antimafia
    on 25 Maggio 2022 at 22:00

    La sentenza n. 16341/2022 scaturisce dal ricorso per cassazione, promosso dalla Società Affide Spa avverso l’ordinanza emessa dal Gip di Bari che, a seguito di opposizione…

feed rss di proprietà di Studio Cataldi e Altalex